SING FOR ME

SING FOR ME
CANTA PER ME
CHANTE POUR MOI
CANTA PARA MI

ideazione e cura Giuseppina Casarin
realizzazione Associazione Coro Voci dal Mondo
per la Il Villaggio Globale Cooperativa Sociale Onlus
in collaborazione con il Comune di Mirano
all’interno del progetto territoriale del Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR)

Mirano (VE), Teatro di Villa Belvedere, domenica 26 giugno ore 21.00

Un coro che migra
Un coro alla ricerca della ragione del proprio cantare
Un coro che va a conoscere la città e i luoghi dell’ospitalità
Un coro che ricerca e raccoglie i canti e le musiche dei migrantiSING FOR ME_locandina web-2

 

Il Coro Voci dal Mondo insieme alla sua attività ordinaria di canto con scadenza settimanale si pone come laboratorio cittadino alla ricerca delle forme espressive, comunicative, performative più adeguate per parlare alla città e per portare la propria esperienza e testimonianza di storia di convivenza.

Con il progetto “SING FOR ME” si vuole attivare un percorso di conoscenza delle realtà/strutture che oggi ospitano i nuovi cittadini immigrati e i profughi del nostro territorio, utilizzando la musica e il canto come oggetto di mediazione.

Un percorso alla ricerca di Canti e musiche che non hanno né riconoscimento né cittadinanza, patrimoni destinati forse ad essere perduti che spesso rimangono esclusivamente nella memoria delle persone che li portano con sé insieme alla loro storia di vita. Oppure un percorso alla scoperta di una presenza culturale dei migranti come artisti e come portatori di culture, di saperi e di bellezza che appartengono oggi al sound nascosto delle città in cui viviamo.

Un incontro con le diversità, con canti e musiche che hanno il potere di evocare luoghi lontani ma allo stesso tempo capaci di risvegliare modi espressivi e di comunicazione per noi nuovi, patrimoni culturali diversi che si innestano nella nostra cultura, che muovono la creatività e che aprono al cambiamento e alla crescita culturale.

Obiettivi del laboratorio:

  • realizzare prove aperte/concerti nei luoghi/strutture di accoglienza;
  • creare occasioni di incontro e scambio tra le persone e le loro storie di vita attraverso la musica;
  • rendere protagonisti migranti e cittadini italiani di una performance/concerto da restituire alla città come testimonianza di integrazione e convivenza;
  • Valorizzare e dare voce al nuovo sound che appartiene inevitabilmente alla nostra cultura e che risuona nella nostra città;
  • conoscere la realtà della migrazione della nostra città e del nostro territorio;
  • attivare la raccolta/ricerca di musiche e canti proposti dalle persone/ospiti che si incontrano nel corso del progetto.
Annunci